Trasformazione Aziendale


Nella catena del Valore la filiera del Contract.


 

Illustriamo le leve competitive, le scelte operative e gli attori della filiera per competere con successo nel mercato contract

La rubrica sul contract come opportunità di crescita per le imprese del sistema casa – giunta al suo terzo appuntamento – riparte dalla necessità di saper generare valore per il committente, sia esso il general contractor o uno dei molteplici attori, di seguito evidenziati, nella sfaccettata filiera.

Ma, per operare con successo e contribuire alla catena del valore, l’azienda, a prescindere dalla gamma di prodotti/servizi/soluzioni offerta nell’ambito del “progetto chiavi in mano”, deve attivare leve competitive adeguate e intraprendere scelte conseguenti. Vediamo quante e quali sono.

 

Sette le leve competitive e le scelte per Proprietà e Management

  1. Focalizzare la propria modalità di ingresso al contract selezionando fra:
    • specializzazione per settore di mercato (alberghi, residenziale, navale, ecc.);
    • competenza di prodotto/applicazione (es. zona notte intesa letto+armadio);
    • canale distributivo di specifici paesi (es. le cucine in USA, UK e mercati emergenti).
  2. Conoscere i trend di mercato per proporre innovazione e valore nei diversi segmenti: dallo sviluppo del settore alberghiero e hospitality in tutto il mondo, alla riqualificazione secondo gli standard internazionali degli immobili per uffici dei Real Estate.
  3. Individuare i territori dove operare e localizzare conseguentemente l’attività di promozione: nelle megalopoli, nei paesi emergenti in crescita, o nei luoghi dove si svolgono i grandi eventi.
  4. Definire identità e posizionamento dell’azienda (lusso, design, etnico, green/sostenibile, economico) per rivolgersi agli interlocutori idonei nella filiera del contract.
  5. Distinguere le proprie macro competenze da valorizzare nella rete d’imprese del contract, optando fra know-how, gamma di prodotti, offerta di soluzioni, flessibilità produttiva, qualità del capitale umano, qualità del marchio e della reputazione aziendale.
  6. Individuare la posizione più adeguata nella filiera degli attori contract in una rete di valore: il mix delle scelte intraprese dall’azienda è la premessa per individuare il target cui rivolgersi nella filiera, dalla proprietà o developer al general contractor, fino agli influenzatori e alle procurement company.
  7. Il trade off (è una situazione che implica una scelta tra due o più possibilità) tra indipendenza e aggregazione nella rete di valore. Alcune modalità di relazione tra imprese:
    • l’aggregazione tra imprese con prodotti complementari per svolgere in proprio una parte del ruolo del “main contractor”;
    • l’offerta di prodotti per soluzioni “chiavi in mano” adatte ai diversi segmenti di mercato;
    • realizzare economie di scala sul fronte commerciale.

 

Gli attori e le parole chiave del contract

Molteplici sono gli interlocutori delle imprese in funzione delle scelte operate e delle leve competitive attivate per definire ruolo e operatività in un mercato dove attività e tempistiche mutano da commessa a commessa.

Per scegliere il proprio target è quindi importante far luce sui principali attori della filiera contract.

  • Owner e/o developer sviluppano un progetto immobiliare (real estate, catena alberghiera, ecc); gli influenzatori (architectural firm, architetti, interior design studio) realizzano il progetto e definiscono le specifiche tecniche per le forniture degli interni.
  • General contractor, il coordinatore della commessa. È coadiuvato dalle procurement company per la selezione dei fornitori, e dal cost controller per previsione e controllo dei costi. Egli subappalta la fornitura dell’impiantistica (idrica, elettrica, idraulica) e delle finiture (imbiancatura, ect.) alle imprese di costruzioni; a sub contractor specializzati i prodotti-servizi specifici del settore di mercato (alberghi, residenziale, navale); all’interior contractor l’allestimento completo degli interni: dalla fornitura all’installazione.

Per partecipare alla filiera è fondamentale conoscere il vocabolario del contract:

  • Fit Out: sono le finiture di interior design quali pavimenti, rivestimenti, e arredi con connessione permanente alla struttura dell’edificio, come moquette, legno, marmo, ceramica, vetro, carta da parati, tinteggiatura, tecnologie audiovisive, armadi, cabine armadio, mobili a giorno, cucine, porte, boiserie.
  • FF&E (Furniture, Fixture & Equipement): sono le forniture che non sono connesse all’edificio, quali Imbottiti, sedie & tavoli, illuminazione decorativa, tappeti, tendaggi tecnici o decorativi, opere d’arte e segnaletica interna.
  • OS&E (Operating Supplies & Equipment): sono le forniture strettamente legate all’attività del gestore/operatore. In un hotel: lenzuola, asciugamani, accappatoi, materassi, attrezzature per ristorazione, fitness e spa, e sale conferenze.

A valle dell’interior contractor troviamo aziende che producono elementi su commessa, con specifiche tecniche definite dall’interior design studio. Caratteristiche fondamentali sono: buona relazione con lo studio di architettura e il committente, flessibilità e specializzazione produttiva, capacità di preventivare costi e tempi di consegna.

Infine, parallelamente, le aziende che forniscono prodotti a catalogo, realizzati per il canale retail. Necessaria la flessibilità alle modifiche per l’adeguamento dei prodotti a normative specifiche, alla realizzazione di finiture o dimensioni personalizzate.

 

È necessaria una divisione contract interna alle aziende di arredamento?

Operare nel contract non significa creare necessariamente una nuova divisione perché sono molteplici i ruoli che un’azienda può rivestire all’interno di un “progetto chiavi in mano”. È invece necessaria una netta separazione fra produzione retail e contract: promiscuità e complessità creano ostacoli, come la misurazione dei risultati.

In Italia i principali competitor sono raggruppabili in due categorie:

  • chi ha sdoppiato la propria natura e produce per entrambi i mercati;
  • imprese contract che non producono.

Le aziende “design based” preferiscono implementare una divisione contract per far fronte alla gestione operativa con funzioni chiave distinte dal retail, quali: ricerca e sviluppo, acquisti e marketing.

 


Condividi questo articolo

Lascia un commento

Gli articoli più letti
Sviluppo delle risorse umane, l’era dei ruoli indefiniti!
Organizzazione & risorse umane
16 Giugno 2020

Sviluppo delle risorse umane, era il 1969 …. La prima volta che si parlò del concetto di sviluppo delle risorse umane è stato nel 1969, 51 anni fa. Il concetto ruota attorno alla possibilità di ottenere un cambiamento nel comportamento delle persone attraverso un insieme di esperienze di apprendimento purché progettate come attività organizzate. Il […]

Modello aziendale sostenibile per reagire alle crisi.
Organizzazione & risorse umane
6 Giugno 2020

  Un modello aziendale sostenibile e flessibile, o un tentativo di flessibilità lavorativa, nelle aziende di medie dimensioni era presente solo nel 29% delle imprese. Questo secondo uno studio della Oxford Economics che ha preso in esame quanto accadeva prima del COVID19. La crisi scatenata dalla pandemia ha costretto tutti a fare i conti con […]

Lezione per le PMI, cosa possiamo apprendere da COVID19.
Organizzazione & risorse umane
5 Giugno 2020

COVID19 quale lezione alle PMI e come ripartire più forte di prima. Lezione alle PMI da COVID19. La diffusione del virus ha colto tutti impreparati. I governi delle nazioni, anche di quelle più organizzate, che avrebbero dovuto avere i piani pandemici. Le organizzazioni sanitarie che pure avrebbero dovuto sorvegliare sulla salute dei cittadini. Questo corona […]

Vedi anche le altre categorie:

Iscriviti per ricevere
tutti gli aggiornamenti di KMSenpai.
FIND

Privacy Policy*

Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003).
* Campi obbligatori

Privacy Preference Center

Analytics

I cookie di questo tipo vengono utilizzati per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito. Tali informazioni sono utilizzate per analisi statistiche, per migliorare il sito e semplificarne l’utilizzo, oltre che per monitorarne il corretto funzionamento.

_gid, _ga

Vuoi chiudere il tuo account?

I tuo account verrà chiuso, i tuoi dati personali saranno eliminati permanentemente dal sito e non potranno essere recuperati. Vuoi procedere?

Are you sure?

By disagreeing you will no longer have access to our site and will be logged out.