Organizzazione & risorse umane


Passaggio generazionale nelle PMI, il contesto italiano.

Come passare il "testimone"
Patto tra generazioni

Passaggio generazionale, le 4 tipologie.

Un passaggio generazionale dura mediamente 3 anni e mezzo. Coinvolge 3,5 membri familiari e di 1,5 consulenti. Questo è quanto emerge dallo studio condotto dall’Università Cattolica di Milano (CERIF – Centro Ricerca Imprese di Famiglia anno 2016-2017). Il campione di ricerca ha visto coinvolte alcune decine di PMI con fatturato compreso tra i 15 e i 150 milioni di euro che hanno affrontato e gestito il passaggio generazionale. Il 71% circa dei passaggi generazionali sono stati completati, il 12% ha avuto esito negativo mentre il 17% circa sono ancora in atto. 

Il passaggio generazionale è riconducibile a quattro tipologie ben distinte:

  1. dinamico – stimolato da elementi di discontinuità interni (ed esterni) messi in atto dal successore, ma pianificati nel processo di transizione realizzato per tempo e con efficacia;
  2. improvviso – dovuto alla scomparsa improvvisa del fondatore/padrone;
  3. ritiro – quando il fondatore/padrone passa il testimone al successore ritirandosi totalmente dall’attività;
  4. lascia e riprendi – un  continuo tira molla tra fondatore/padrone e potenziale erede accompagnato da parziali responsabilità, deleghe incomplete e ridotte autonomie con tempi indefiniti e molto lunghi.

Dalla statistica CERIF emerge che il passaggio è ottimale quando avviene nella tipologia “dinamico”. I casi di insuccesso si sono verificati nelle aziende che hanno avuto un passaggio di tipo “improvviso” o “lascia e riprendi”. A seconda di come il passaggio generazionale viene affrontato avremo, quindi, più o meno possibilità di successo nel cambio di leadership.

La continuità dopo la successione, ecco la vera criticità.

I dati di Infocamere del 2012 sono impietosi. Delle aziende famigliari che hanno tentato il passaggio generazionale soltanto il 31% sono riuscite a passare alla seconda generazione, il 15% alla terza, ma troppo spesso con gravi ripercussioni. 

La continuità della successione è quindi uno dei problemi più delicati e cruciali dell’azienda familiare. Questo anche perché spesso il fondatore rinvia la soluzione del problema, data la sua oggettiva difficoltà, oppure prova a fare tutto da solo. Garantire la competitività dell’impresa nella continuità della successione impone di pianificare per tempo e in modo strategico il passaggio di consegne. L’imprenditore e il successore devono valutare con attenzione i principali rischi e le potenziali opportunità. 
Il momento della successione può rappresentare un momento di crisi e di rischio, ma è soprattutto una opportunità. È un momento nel quale valutare:

  • l’adeguatezza della strategia aziendale;
  • il business model;
  • i fabbisogni e le prospettive di evoluzione dell’impresa;
  • una maggiore professionalizzazione della “famiglia”, o del piccolo gruppo che ha tradizionalmente gestito l’azienda, o una trasformazione manageriale dell’impresa;
  • l’introduzione di nuove competenze di cui i nuovi membri possono essere portatori.

Passaggio generazionale, governare il processo.

Quindi il cambio generazionale deve essere letto come evoluzione positiva dell’impresa e della sua cultura, è il rapporto tra tradizione e innovazione. La successione rappresenta un momento fondamentale per mettere a fuoco e affrontare in maniera critica i cambiamenti. Dover affrontare problematiche relative al coordinamento, all’integrazione, alla stabilità e alla motivazione di lavoratori, nonché a ripensare tutta l’impostazione progettuale del lavoro implica un notevole sforzo.

Se il processo non è ben governato, l’imprenditore potrebbe a torto, o a ragione, ritenere insostituibile la sua leadership. Emergerebbero quindi difficoltà connesse alla sensazione di perdita di controllo della situazione da parte dell’imprenditore che mostrerà:

  • resistenza a riconoscere le competenze dei collaboratori;
  • difficoltà a delegare;
  • incapacità nell’identificare le modalità adeguate di un “passaggio delle consegne”.

Tener testa a tutte le criticità richiede che la successione venga preparata congiuntamente dai senior e dagli junior. Il ricambio generazionale è un elemento traumatico e destabilizzante quando si presenta come improvviso, portando a molti dei fallimenti evidenziati dalle statistiche. Sei interessato ad approfondire il tema? Richiedi l’approfondimento gratuito cliccando sul bottone qui sotto, oppure contattaci.

 

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Gli articoli più letti
Pianificare e gestire il tempo, essere efficaci e produttivi!
Organizzazione & risorse umane
29 Giugno 2020

Pianificare e gestire il tempo riduce lo stress! Pianificare e gestire il tempo, due aspetti della vita professionale di ognuno che più difficilmente riusciamo a praticare. Quando sono in azienda con imprenditori e manager la cosa che mi sento ripetere più frequentemente è “…non ho tempo!”. Eppure le persone che sanno pianificare ottengono molto di […]

Sviluppo delle risorse umane, l’era dei ruoli indefiniti!
Organizzazione & risorse umane
16 Giugno 2020

Sviluppo delle risorse umane, era il 1969 …. La prima volta che si parlò del concetto di sviluppo delle risorse umane è stato nel 1969, 51 anni fa. Il concetto ruota attorno alla possibilità di ottenere un cambiamento nel comportamento delle persone attraverso un insieme di esperienze di apprendimento purché progettate come attività organizzate. Il […]

Modello aziendale sostenibile per reagire alle crisi.
Organizzazione & risorse umane
6 Giugno 2020

  Un modello aziendale sostenibile e flessibile, o un tentativo di flessibilità lavorativa, nelle aziende di medie dimensioni era presente solo nel 29% delle imprese. Questo secondo uno studio della Oxford Economics che ha preso in esame quanto accadeva prima del COVID19. La crisi scatenata dalla pandemia ha costretto tutti a fare i conti con […]

Vedi anche le altre categorie:

Iscriviti per ricevere
tutti gli aggiornamenti di KMSenpai.
FIND

Privacy Policy*

Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003).
* Campi obbligatori

Privacy Preference Center

Analytics

I cookie di questo tipo vengono utilizzati per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito. Tali informazioni sono utilizzate per analisi statistiche, per migliorare il sito e semplificarne l’utilizzo, oltre che per monitorarne il corretto funzionamento.

_gid, _ga

Vuoi chiudere il tuo account?

I tuo account verrà chiuso, i tuoi dati personali saranno eliminati permanentemente dal sito e non potranno essere recuperati. Vuoi procedere?

Are you sure?

By disagreeing you will no longer have access to our site and will be logged out.