Marketing - Sales & Service


Perché i “venditori” sono necessari nel post-Coronavirus

Il Coronavirus provocherà un’accelerazione di cambiamenti già in atto in molte aziende, primo tra tutti quello della digitalizzazione.  Molti dei contatti tra azienda e consumatori si sposteranno dal mondo fisico a quello digitale. Questo non significa che i processi mentali che guidano la scelta e l’acquisto di un prodotto – servizio da parte dei responsabili di acquisto e/o dei decision makers aziendali subiranno delle modifiche, ed in particolare non subirà alcuna modifica il ruolo giocato dal venditore nella risoluzione dei bisogni emersi e/o della proposta di valore coerente col contesto post Coronavirus.  Si tratta infatti di processi mentali che caratterizzano gli esseri umani e che sono indipendenti dal punto di contatto tra azienda e utilizzatore / consumatore, sono cioè indipendenti dal canale di acquisto, che sia fisico o digitale.

Il venditore digitale

Quando si pensa al mondo dopo-Coronavirus – in cui molti contatti tra i azienda e i consumatori saranno digitali – si dà quasi per scontato che tali contatti saranno in assenza di un “venditore”, cioè di una persona che favorisca e stimoli l’acquisto da parte del consumatore.  Certamente si verificherà un forte incremento di acquisti effettuati in self-service, attraverso i canali digitali.  Tuttavia, la domanda a cui rispondere è se la presenza di un venditore – che parla con il cliente attraverso una videochiamata e interagisce mediante strumenti e contenuti digitali – possa comunque incrementare la probabilità di acquisto e la fedeltà al prodotto.  La risposta a questa domanda è certamente affermativa, a condizione che il venditore attui la giusta comunicazione verbale e non verbale assieme ai giusti comportamenti, assistiti dai giusti strumenti e contenuti digitali. L’incontro di vendita sarà mediato da uno strumento di conference call e dai giusti contenuti digitali per essere più efficace rispetto ad un incontro tradizionale di vendita face-to-face.  È chiaro che per ottenere dei risultati, è necessario che le aziende  aumentino in modo considerevole il numero di “venditori” preparati e li dotino dei giusti strumenti e soprattutto dei giusti contenuti digitali. I “venditori” dovranno avere livelli molto alti di attenzione focalizzata al contesto ed ai bisogni del cliente ed essere in grado di padroneggiare un vocabolario emozionale molto esteso. Si tratta di due capacità che possono essere allenate e quando sono possedute a livelli adeguati consentono di sviluppare rapidamente le giuste abilità di comunicazione verbale, non verbale e di comportamento. Questi “venditori” dovranno essere in grado di governare le emozioni dell’utilizzatore / consumatore, rendendolo un cliente desiderante del prodotto /  brand, anche quando l’incontro di vendita avviene in modalità remota.  Solo in questo modo una impresa potrà riuscire a differenziarsi stabilmente rispetto ai concorrenti posizionandosi al centro della vita dei consumatori.  Quelle aziende  che invece non saranno in grado di essere emotivamente coinvolgenti in tutti i punti di contatto fisici e digitali probabilmente scompariranno. kmsenpai è impegnata da oltre 20 anni nei processi di cambiamento della cultura delle organizzazioni. Sei interessato allo sviluppo delle competenze delle vendite e vuoi sapere cosa possiamo fare per aiutarti contattaci, o richiedi un approfondimento cliccando sul pulsante sottostante.
Condividi questo articolo

Lascia un commento

Gli articoli più letti
Perché i “venditori” sono necessari nel post-Coronavirus
Marketing - Sales & Service
28 Maggio 2020

Il Coronavirus provocherà un’accelerazione di cambiamenti già in atto in molte aziende, primo tra tutti quello della digitalizzazione.  Molti dei contatti tra azienda e consumatori si sposteranno dal mondo fisico a quello digitale. Questo non significa che i processi mentali che guidano la scelta e l’acquisto di un prodotto – servizio da parte dei responsabili […]

Perché fare sales prospecting?
Marketing - Sales & Service
15 Marzo 2020

Il Sales Prospecting consente di popolare e ripopolare costantemente la sales pipeline, movimentarla, avere sempre la giusta quantità di prospect necessaria per evitare periodi di stallo, ottenere risultati costanti e aumentare il numero complessivo di opportunità chiuse. Ogni venditore ha ormai la possibilità di contattare molte tipologie di prospect, provenienti dalla multi-canalità: Lead generati dall’inbound […]

Come misurare il valore della pipeline di vendita?
Marketing - Sales & Service
27 Gennaio 2020

Cos’è una pipeline di vendita? La pipeline di vendita è un’istantanea visiva di dove sono i potenziali clienti (prospect) lungo il processo di vendita. La pipeline di vendita mostra quante offerte – proposte – progetti i venditori dovrebbero chiudere in una determinata settimana, mese o anno e quanto è vicino (o lontano) un venditore a […]

Vedi anche le altre categorie:

Iscriviti per ricevere
tutti gli aggiornamenti di KMSenpai.
FIND

Privacy Policy*

Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003).
* Campi obbligatori

Privacy Preference Center

Analytics

I cookie di questo tipo vengono utilizzati per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito. Tali informazioni sono utilizzate per analisi statistiche, per migliorare il sito e semplificarne l’utilizzo, oltre che per monitorarne il corretto funzionamento.

_gid, _ga

Vuoi chiudere il tuo account?

I tuo account verrà chiuso, i tuoi dati personali saranno eliminati permanentemente dal sito e non potranno essere recuperati. Vuoi procedere?

Are you sure?

By disagreeing you will no longer have access to our site and will be logged out.