Supply Chain Management


Un nuovo modello gestionale per il mobile

Un nuovo modello gestionale per il mobile permette di essere puntuali.

Puntualità - kmsenpai
Puntualità – kmsenpai

Il modello gestionale per il mobile e le sue fasi

Un modello gestionale ha l’obiettivo di gestire ordini (vendita, produzione, acquisti etc.) generando soddisfazione al cliente e mantenendo i costi sotto controllo, ma andiamo per gradi e definiamo i macro obiettivi:

  • Saturare le capacità produttive
  • Produrre in modo efficiente 
  • Mantenere un livello adeguato di magazzino
  • Essere competitivo nei tempi di consegna
  • Rispettare le date di consegna promesse

Apparentemente questi macro obiettivi sono contrastanti tra di loro, ma in realtà se si adotta un modello gestionale idoneo si riesce a mantenere tutti gli obiettivi.

Il modello gestionale per il mobile non  è innovativo, ma semplicemente frutto di contaminazione da altri settori e soprattutto frutto di decenni di esperienze nelle aziende del mobile.

Il modello gestionale per il mobile che permette di raggiungere questi risultati è composto da diverse fasi che in termine di titoli sembrano tradizionali, ma in realtà celano dettagli che fanno la differenza:

  • Pianificazione predittiva (pianificare senza previsione)
  • Creazione del precarico con data promessa calcolata in automatico
  • Verifica di fattibilità e Chiusura del Carico 
  • Programma di produzione e liste di prelievo
  • Monitoraggio e controllo evasioni

La pianificazione predittiva nel modello gestionale per il mobile

Il modello gestionale per il mobile permette la massima espressione della pianificazione predittiva, ma prima di tutto ricordiamo cos’è la pianificazione predittiva.

La pianificazione predittiva è la prima fase del modello gestionale per il mobile e permette di pianificare senza previsioni di vendita, attingendo a informazioni già esistenti in azienda, ma non sfruttate per pianificare.

  • Vantaggi: 
    • permette di pianificare ordini a fornitore e abbassare i lead time
    • mantenere bassi i magazzini, 
    • alta flessibilità
    • si adatta alle vendite continuamente
    • permette la coesistenza di diversi canali di vendita (Reatil, contract e distribuzione)
  • Semplificazioni:
    • non serve fare previsioni
    • dati disponibili in tempo reale

Possiamo pianificare senza previsioni di vendita rolling perché le informazioni fresche dal mercato le possiamo prendere molto velocemente, con una frequenza alta e a un basso costo gestionale.

Il pre-carico nel modello gestionale per il mobile

Il modello gestionale per il mobile introduce una fase non esistente nella maggior parte delle aziende del mobile, cioè il pre-carico. Se esiste come termine, difficilmente è calcolato in automatico considerando le capacità.

Il pre-carico in realtà si può generare automaticamente introducendo un processo automatizzato di generazione della data promessa.

Il sistema, nell’inserimento dell’odine da parte del back office lavora su tre parametri in tempo reale:

    • I lead time
    • la capacità di carico, 
    • la capacità produttiva 

genera in automatico la data promessa e porta lo stato dell’ordine in pre-carico. Nella fase di pre-carico tutto può essere modificato, ma normalmente le modifiche non stravolgono il precarico.

Le capacità di carico e di produttività non vengono mai saturate per lasciare una percentuale di capacità a disposizione di ordini dell’ultima ora, in modo da poter cogliere tutte le opportunità “prendere o lasciare”.

Le fasi esecutive del modello gestionale per il mobile

Nel modello gestionale per il mobile c’è una fase di Verifica e fattibilità dove ognuno per sua competenza verifica lo status e dà il benestare al carico.

Nel caso di nessun vincolo l’ordine ha il benestare in automatico. Diversamente se esistono  vincoli necessita l’azione di un operatore.

Il benestare può comprendere diverse situazioni, qui un’ipotesi di elenco, ma può essere personalizzato a discrezione dell’azienda. Benestare:

    • amministrativo: fidi, lettere di credito etc.
    • commerciale: pagamenti etc
    • produttivi: materiali, capacità produttiva
    • logistico: capacità di carico

Tutte le verifiche avvengono solo se necessarie, in tempo reale e parallelamente. Questo metodo genera quindi un piano di carico certo e permette di emettere: un programma di montaggio, le liste di prelievo e un programma di lavoro per le macchine.

Infine in  fase produttiva il sistema può prevedere un sistema di dichiarazioni e raccolte dati, che permette di monitorare lo stato di avanzamento della produzione e generare i tempi ciclo per famiglia di prodotti in modo da monitorare meglio le capacità e le efficienze produttive.

Questo modello gestionale per il mobile è un cambiamento importante per tante aziende perché permette di ridurre le inefficienze mantenendo la flessibilità e aumentando la puntualità di consegna.

Alcuni concetti sono già presenti in alcune aziende, ma sono i contenuti che cambiano e soprattutto i risultati!

Il modello KMS per le Aziende  del Mobile è in grado di raggiungere livelli di puntualità superiore al 90-95%. 

Leggi anche:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Gli articoli più letti
La tua supply chain può soddisfare le aspettative dei tuoi clienti?
Supply Chain Management
3 Giugno 2021

Per aumentare la competitività, le aziende manifatturiere devono riprogettare la loro supply chain: ti spieghiamo come in questo articolo.

Processo d’acquisto, il valore nel flusso delle informazioni.
Supply Chain Management
28 Settembre 2020

Come cambia il processo d’acquisto nella nuova normalità post COVID-19? Il processo d’acquisto è da sempre uno dei principali processi aziendali, in tanti modelli di business è il principale processo aziendale. Il Coronavirus ha cambiato anche questo processo, per adeguarsi alle nuove esigenze è necessario capire le nuove dinamiche, le nuove criticità, ma anche le […]

Supply Chain resiliente : 4 drivers indispensabili e 6 azioni tattiche
Supply Chain Management
29 Giugno 2020

La pandemia da Coronavirus ha messo in evidenza l’importanza della supply chain resiliente. Le aziende con strategie di customer-centricity, sostenibilità e tecnologie, riescono a superare eventi con forti impatti sul sistema finanziario e sui processi aziendali. Il modello delle PMI con una supply chain poco collaborativa, disaggregata, a basso contenuto tecnologico e con delocalizzazione produttiva […]

Vedi anche le altre categorie:

Iscriviti per ricevere
tutti gli aggiornamenti di KMSenpai.
FIND

Privacy Policy*

Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003).
* Campi obbligatori