Supply Chain Management


Supply Chain resiliente : 4 drivers indispensabili e 6 azioni tattiche

La pandemia da Coronavirus ha messo in evidenza l’importanza della supply chain resiliente. Le aziende con strategie di customer-centricity, sostenibilità e tecnologie, riescono a superare eventi con forti impatti sul sistema finanziario e sui processi aziendali.

Il modello delle PMI con una supply chain poco collaborativa, disaggregata, a basso contenuto tecnologico e con delocalizzazione produttiva è un esempio di come un cambiamento di rotta sia necessario.

 

4 drivers per creare la supply chain resiliente

Riprogettare la Supply Chain resiliente su 4 direttrici per essere pronti ad affrontare le sfide future : equilibrio, flessibilità, collaborazione e trasformazione digitale.

Il Supply Chain Leader per fronteggiare eventi disruptive deve rivedere la Supply Chain non basandosi solo su driver di efficienza e cost-saving. I nuovi modelli devono contemplare sistemi che abilitino valutazioni di trade-off tra rischi e benefici complessivi.  I nuovi paradigmi di Supply Chain Management si basano su una forte Governance ed un solido piano di continuità operativa, supportato da strumenti di risk management che consenta di identificare le migliori scelte.

La Supply Chain resiliente esige una evoluzione e un rafforzamento in alcuni punti chiave:

  • dashboards che analizzino i driver più sintomatici per tenere sotto controllo la salute della Supply Chain,
  • piani e strumenti di Risk Management per la capacità previsionale ed i piani di continuità operativa (business continuity),
  • equilibrio complessivo e flessibilità della catena della fornitura per adattarsi all’improvviso mutare delle condizioni esterne,
  • la trasformazione digitale è il processo abilitante per innescare un circolo virtuoso che poggia su tecnologia e digitalizzazione delle informazioni.

 

6 azioni tattiche per fronteggiare il post lock-down

In che modo i supply chain leader possono prepararsi a costruire la supply chain resiliente?

Sei sono le azioni tattiche da considerare :

  1. conoscere le catene di approvvigionamento a più livelli, stabilire un elenco di componenti critici, determinare l’origine della fornitura e identificare le fonti alternative,
  2. valutare le scorte disponibili lungo la catena di fornitura, inclusi i pezzi di ricambio e le scorte post-vendita, per mantenere attiva la produzione e le consegne ai clienti,
  3. prevedere la domanda realistica del cliente commerciale e dell’utilizzatore finale,
  4. garantire la sicurezza degli addetti fornendo dispositivi di sicurezza ed implementando le organizzazioni agili,
  5. stimare la capacità logistica ed essere flessibili sulla modalità di trasporto,
  6. il budget classico con verifica delle varianze va sostituito con un sistema di Rolling Forecasting per gestire la liquidità e il capitale circolante netto, eseguendo stress test per capire dove le problematiche della catena di fornitura inizieranno a causare un impatto finanziario.

 

kmsenpai affianca le aziende nel creare il miglior piano di sviluppo della Supply Chain.

Contattaci per una  videoconferenza sulla SUPPLY CHAIN RESILIENTE e AGILE, o richiedi gratuitamente il MANUALE  cliccando sul pulsante sottostante.

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Gli articoli più letti
Supply Chain resiliente : 4 drivers indispensabili e 6 azioni tattiche
Supply Chain Management
29 Giugno 2020

La pandemia da Coronavirus ha messo in evidenza l’importanza della supply chain resiliente. Le aziende con strategie di customer-centricity, sostenibilità e tecnologie, riescono a superare eventi con forti impatti sul sistema finanziario e sui processi aziendali. Il modello delle PMI con una supply chain poco collaborativa, disaggregata, a basso contenuto tecnologico e con delocalizzazione produttiva […]

Time to Market per misurare la reattività sul mercato.
Supply Chain Management
5 Giugno 2020

Time to market, indicatore di prestazione che misura il tempo di attraversamento di uno sviluppo prodotto. Cosa si intende per Sviluppo prodotto e cosa misura il Time to Market? Il Time to market è uno dei principali indicatori di prestazione del processo di sviluppo prodotto . Chiariamo prima di tutto cosa si intende per sviluppo […]

Quali sfide per l’operations manager nel post Covid?
Supply Chain Management
5 Giugno 2020

“Focus on” alla flessibilità per l’operations manager La sfida per l’operations manager è mantenere equilibrio in una situazione precaria! Cosa viene chiesto ad operations manager in una situazione di ripresa dopo 1-2 mesi di lock-down? Dopo le fatiche del riavvio della produzione l’attenzione non riguarderà solo la produttività, ma soprattutto, il bilanciamento delle risorse. Per […]

Vedi anche le altre categorie:

Iscriviti per ricevere
tutti gli aggiornamenti di KMSenpai.
FIND

Privacy Policy*

Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003).
* Campi obbligatori

Privacy Preference Center

Analytics

I cookie di questo tipo vengono utilizzati per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito. Tali informazioni sono utilizzate per analisi statistiche, per migliorare il sito e semplificarne l’utilizzo, oltre che per monitorarne il corretto funzionamento.

_gid, _ga

Vuoi chiudere il tuo account?

I tuo account verrà chiuso, i tuoi dati personali saranno eliminati permanentemente dal sito e non potranno essere recuperati. Vuoi procedere?

Are you sure?

By disagreeing you will no longer have access to our site and will be logged out.