ico
Industry 4.0

Risorse umane 4.0, ciò di cui ha bisogno l’industria 4.0!

Risorse umane 4.0, il ruolo moderno, la trasformazione digitale  al tempo dell’industria 4.0.

Risorse umane 4.0, sono il tema centrale  di industria 4.0. Questo richiede una grande attenzione al modo in cui le aziende trasformeranno l’organizzazione per rimanere sul mercato.

Risorse umane al tempo dell’industria 4.0

Le precedenti rivoluzioni industriali.

La quarta rivoluzione industriale pone nuovamente le organizzazioni aziendali di fronte alla paura della disoccupazione che l’evoluzione tecnologica potrebbe portare. Come nel passato, fin dalla prima rivoluzione industriale (motori ad acqua e a vapore), assistiamo a tentativi di resistere all’innovazione e al cambiamento anche culturale.  Nella prima rivoluzione industriale sì è assistito principalmente al “deskilling, ossia le competenze dei lavoratori furono sostituite dalla semplificazione dei compiti precedentemente eseguiti. Nella seconda (elettricità, produzione di massa) e nella terza (informatizzazione, automazione) rivoluzione la domanda di manodopera non qualificata è diminuita a favore di quella specializzata. È cresciuta la richiesta di specializzazione che è occorsa per far funzionare i macchinari. Allo stesso modo è cresciuto sempre più il numero di “colletti bianchi” per svolgere le attività manageriali. In seguito le attività manageriali sono aumentate in complessità, ma anche in numero.

Le rivoluzioni industriali

Quindi da sempre le innovazioni hanno effetto su tutti i prodotti e fattori in un mercato. Quando l’efficienza di un prodotto aumenta, il suo prezzo scende aumentando di fatto il reddito reale dei lavoratori. Quindi i soldi risparmiati finiscono con aumentare la domanda di altri beni. Pertanto l’occupazione non scompare, ma “scivola” verso prodotti e professionalità diverse. 

Risorse umane 4.0, l’impatto sull’organizzazione aziendale al tempo dell’industria 4.0.

l’Industria 4.0 avrà un enorme impatto sull’economia, perché creerà modelli di business, prodotti e servizi completamente nuovi. Questo genererà il conseguente aumento di carenze di professionalità specifiche. Quindi, ancora una volta, avremo la necessità di un cambiamento culturale profondo per colmare il gap di competenze che l’innovazione richiede.

I cambiamenti derivanti da questa transizione impongono agli imprenditori di fornire gli “strumenti” al fine di rimanere competitivi, massimizzando al contempo ogni euro investito. Quindi è necessaria  una solida “struttura di apprendimento” continuo, per facilitare la formazione che deve essere accessibile facilmente e costantemente aggiornata per tutti i collaboratori. 

Pensiamo a esempio alla possibilità di automatizzare e personalizzare l’esperienza dell’inserimento di nuovi collaboratori. Questo consentirebbe di ridurre significativamente il tempo della curva di apprendimento per un nuovo dipendente, ottimizzando l’investimento e migliorando il rendimento.

Anche i programmi di formazione interna e lo sviluppo continuo delle competenze possono beneficiare delle nuove tecnologie. A esempio si possono sviluppare contenuti per l’apprendimento utilizzando l’esperienza  dei collaboratori – condivisione collettiva della conoscenza -. Questo oltre a motivare i lavoratori a mantenere un alto livello di abilità, valorizza il lavoro svolto. Genera impegno e orgoglio nei collaboratori coinvolti nel processo. Questo consente all’azienda di coltivare persone felici, in un ambiente in cui tutti comprendono l’importanza del loro contributo individuale, a beneficio del successo collettivo.

Questa nuova cultura dell’automazione, proprio come la progressiva implementazione di nuove tecnologie, sta cambiando le esigenze delle organizzazioni. Gli imprenditori e i manager aziendali dovranno rivalutare rapidamente le strutture. Rivedere i ruoli organizzativi in ​​gioco per identificare le posizioni critiche che richiedono un cambiamento.

Cosa deve fare l’imprenditore e il manager per avere risorse umane 4.0.

La digitalizzazione 4.0

In conclusione, la trasformazione digitale è già alla base di molti cambiamenti nel modo di fare impresa e molti cambiamenti sono ancora in corso. Imprenditori e manager hanno il compito di anticipare il cambiamento. Ricercare e proporre nuove tecnologie e tecniche che aiuteranno l’organizzazione aziendale a lavorare in modo più efficiente, efficace e intelligente.

In un mondo in cui le aziende devono costantemente ribadire il proprio valore  verso il mercato all’interno occorrerà concentrarsi sullo sviluppo delle competenze dei collaboratori. Sarà imprescindibile lavorare sull’ottimizzazione dei ruoli con valore aggiunto facendo leva sull’aumento dell’efficacia e efficienza organizzativa.

KmSenpai è impegnata da oltre 20 anni nei processi di cambiamento della cultura delle organizzazioni. Se sei interessato al benessere della tua azienda e vuoi sapere cosa possiamo fare per aiutarti contattaci, o richiedi un approfondimento cliccando sul pulsante sottostante.

Pubblicato in data 9 febbraio 2020

Lascia un commento

Iscriviti per ricevere
tutti gli aggiornamenti di KMSenpai.
Gli articoli più letti
Smartworking, regole e consigli per organizzare il lavoro a casa
Human Organization
11 marzo 2020

Lo smartworking è un modello di lavoro che richiede organizzazione! Premessa: smartworking, non significa solo lavorare da casa, ma è un modello di organizzazione aziendale che richiede processi, metodo, strumenti e KPI. Leggi anche l’articolo Cos’è lo smart Working (link a fine pagina).     Spesso chi affronta un modello di lavoro smartworking cade nella […]

Come abbattere i lead time di approvvigionamento senza generare scorte?
Supply Chain Management
3 luglio 2018

  I clienti chiedono lead time sempre più stringenti? I competitor sono più veloci di noi? Come possiamo ridurre i tempi di consegna senza generare scorte? “Lead time”, letteralmente, significa tempo di attraversamento ed è dato dalla sommatoria di diversi tempi che intercorrono dall’acquisizione di un ordine alla disponibilità del materiale.   Processo e lead […]

Lead time e puntualità di consegna, che livello di servizio erogare al cliente?
Supply Chain Management
6 luglio 2018
Lead time, puntualità di consegna e gestione dei ritardi sono prestazioni che fanno la differenza nei mercati competitivi, ma possono generare costi occulti. Quindi, quale livello di servizio al cliente erogare? Come contenere il costo e convertirlo in investimento?

  Lead time, puntualità di consegna e gestione dei ritardi sono prestazioni che fanno la differenza nei mercati competitivi, ma possono generare costi occulti. Quindi, quale livello di servizio erogare al cliente? Come contenere il costo e convertirlo in investimento? La puntualità di consegna è uno degli indicatori del livello di servizio offerto ma, per poter […]

FIND